Pagine

giovedì 2 ottobre 2014

Restiamo in sospeso


Ve l'ho già detto che questa è l'ultima che faccio? Mi sa che lo dico tutte le volte. Ogni volta che mettiamo mano a una lampada con caffettiera sospesa giuriamo "Mai più!": troppa pazienza certosina e sudore sono necessari per assemblare questi gioielli, che stanno in piedi grazie a pesanti rotori, o rondelle, o pezzi di piombo vari nascosti nelle capienti tazze alla base e si reggono su un tubo piegato a mano e fissato con mille stratagemmi al beccuccio.


Ma in troppi le chiedono ed è impossibile non farne: presto dovrei concedermi almeno un viaggetto in Francia ad imbottire il baule di caffettiere smaltate, che oltralpe abbondano ad ogni mercato. Oppure aspetto i vostri gentili regali di viaggio!


Nessun commento:

Posta un commento