Pagine

venerdì 25 maggio 2012

Ferro a vapore


Se una lampada non mi piacesse non la farei, questo è chiaro. Devo innamorami dell'idea. Ma alcune le amo più di altre. E questa la amo. Amo la vita che porta. Sento la fatica delle mani, il peso che hanno sollevato tante volte, il sudore che stirare pile e pile di indumenti comportava. Amo l'oggetto, essenziale, comodo da impugnare, lucente, accuminato. E amo la lampada. Salda a terra e svettante, dalla base severa e dal collo arruffatto, disordinato, capriccioso. Dall'aspetto dimesso, pronta a pendere su un tavolo spoglio, ad illuminare idee disordinate. E, da non sottovalutare, estremamente comoda da trasportare.


Lampada da tavolo realizzata con vecchio ferro da stiro in metallo. Si accende dall'interruttore originale posto sul manico.

Nessun commento:

Posta un commento